Merkel111
27 settembre
Germania (ed Europa) in cerca di identità
Si chiude l'era Merkel. Ma le elezioni tedesche, senza un chiaro vincitore, "regalano" all'Europa una nuova stagione di incertezza. I nodi da sciogliere sono tanti. Se la Germania sceglierà una coalizione improntata al compromesso, inevitabilmente perderà il ruolo di leadership nell'UE (chi prenderà il suo posto?), mentre Bruxelles è smarrita più che mai: ai ferri corti con il tradizionale alleato americano e incapace di gestire i complessi "flirt" di Berlino con Cina e Russia. In Ticino il DECS apre una consultazione sull'abolizione dei livelli in terza media. Il mondo della scuola è diviso tra chi propende per una maggiore inclusione e chi teme un livellamento verso il basso. Ne abbiamo parlato con Roberto Laffranchini, già direttore delle scuole della Fondazione San Benedetto. Riceviamo e volentieri pubblichiamo un'opinione di Sergio Morisoli sulle ultime votazioni.
Registrati e inizia la prova gratuita
Si chiude l'era Merkel. Ma le elezioni tedesche, senza un chiaro vincitore, "regalano" all'Europa una nuova stagione di incertezza. I nodi da sciogliere sono tanti. Se la Germania sceglierà una coalizione improntata al compromesso, inevitabilmente perderà il ruolo di leadership nell'UE (chi prenderà il suo posto?), mentre Bruxelles è smarrita più che mai: ai ferri corti con il tradizionale alleato americano e incapace di gestire i complessi "flirt" di Berlino con Cina e Russia. In Ticino il DECS apre una consultazione sull'abolizione dei livelli in terza media. Il mondo della scuola è diviso tra chi propende per una maggiore inclusione e chi teme un livellamento verso il basso. Ne abbiamo parlato con Roberto Laffranchini, già direttore delle scuole della Fondazione San Benedetto. Riceviamo e volentieri pubblichiamo un'opinione di Sergio Morisoli sulle ultime votazioni.
30 giorni gratis
Prova Il Federalista gratis
per 30 giorni
Il Federalista è una proposta editoriale del tutto innovativa nel contesto della Svizzera Italiana.
La nostra idea è di affrontare in una forma accessibile, ma non per questo superficiale, i maggiori temi d’attualità, dal locale ai grandi fatti internazionali. In questa dialettica tra micro e macro, il Federalista vuole scovare legami, ponti e collegamenti avvicinando ciò che sembra lontano, svelando l’importanza di ciò che appare piccolo e insignificante. Lo fa attraverso una comoda newsletter consegnata nella posta elettronica e sempre a portata di tasca, accompagnata da Radiofed (un podcast esclusivo), video e contributi culturali di alto livello. Il Federalista, presente sui social, offre anche dei periodici dossier di livello scientifico dedicati al federalismo e alle sue sfide, in Svizzera e nel mondo. Un solo click, e si legge tutto d’un fiato.
Perché Il Federalista?
La linea editoriale del Federalista è trasparente, a partire dal nome.
Federalismo e democrazia sono infatti la scelta libera di un popolo che crede fermamente nel bene comune. Una scelta che va però rinnovata e riscoperta ogni giorno.
Ecco il perché di questa newsletter: crediamo che sia ancora possibile oggi fare un tipo di informazione completa e seria, capace di un giudizio su quanto accade intorno a noi senza cadere in faziosità o fake news. Lo faremo alla luce di alcuni grandi ideali, insieme a voi lettori.
Chi siamo
Direttore editoriale:
Claudio Mésoniat
"I Federalisti"
Maria Acqua Simi
Beniamino Sani
Collaboratori
Stefania Arfelli
Mauro Baranzini
Marco Bernasconi
Marco Luigi Bassani
Dario Bianchi
Corrado Bianchi Porro
Michele Fazioli
Luca Fiore
Massimiliano Herber
Martino Laffranchini
Francesca Monti
Lorenzo Ornaghi
Pietro Ortelli
Marta Ottaviani
Emanuele Sacchi
Francesca Savoldelli
Amata Schira
Inizia la prova gratuita
Condividi questo articolo