70599713 456029198460235 8278853860257169408 N
27 maggio
La polizia morale di Hamas a Gaza
Diamo oggi spazio a un aspetto poco noto dell'agonia dei palestinesi a Gaza. Vi sono documenti che rivelano come Hamas controllasse -e per quanto può continui a farlo- le opinioni, i comportamenti, i costumi morali della popolazione della Striscia, attraverso una rete di spie e delatori, inclusa la fabbricazione di prove compromettenti contro gli oppositori. In perfetto stile STASI, la polizia segreta della DDR comunista, ma secondo il modello della Repubblica Islamica. Ci occupiamo poi di verificare quanto vi sia di plausibile nell'ipotesi che le sanzioni internazionali contro l'Iran degli ayatollah abbiano in qualche modo influito sullo schianto dell'elicottero con a bordo, tra gli altri, il presidente iraniano Raïssi.
Registrati e inizia la prova gratuita
Diamo oggi spazio a un aspetto poco noto dell'agonia dei palestinesi a Gaza. Vi sono documenti che rivelano come Hamas controllasse -e per quanto può continui a farlo- le opinioni, i comportamenti, i costumi morali della popolazione della Striscia, attraverso una rete di spie e delatori, inclusa la fabbricazione di prove compromettenti contro gli oppositori. In perfetto stile STASI, la polizia segreta della DDR comunista, ma secondo il modello della Repubblica Islamica. Ci occupiamo poi di verificare quanto vi sia di plausibile nell'ipotesi che le sanzioni internazionali contro l'Iran degli ayatollah abbiano in qualche modo influito sullo schianto dell'elicottero con a bordo, tra gli altri, il presidente iraniano Raïssi.
  • Tra delazioni e ricatti, così Hamas controlla i palestinesi
  • Presi tra l’incudine e il martello.
  • La polizia morale, modello Teheran
  • Alla ricerca di materiale compromettente
  • Le rivelazioni ribaltano il discorso dei leader israeliani
  • Le sanzioni all'origine dello schianto?


30 giorni gratis
Prova Il Federalista gratis
per 30 giorni
Il Federalista è una proposta editoriale del tutto innovativa nel contesto della Svizzera Italiana.
La nostra idea è di affrontare in una forma accessibile, ma non per questo superficiale, i maggiori temi d’attualità, dal locale ai grandi fatti internazionali. In questa dialettica tra micro e macro, il Federalista vuole scovare legami, ponti e collegamenti avvicinando ciò che sembra lontano, svelando l’importanza di ciò che appare piccolo e insignificante. Lo fa attraverso una comoda newsletter consegnata nella posta elettronica e sempre a portata di tasca, accompagnata da Radiofed (un podcast esclusivo), video e contributi culturali di alto livello. Il Federalista, presente sui social, offre anche dei periodici dossier di livello scientifico dedicati al federalismo e alle sue sfide, in Svizzera e nel mondo. Un solo click, e si legge tutto d’un fiato.
Perché Il Federalista?
La linea editoriale del Federalista è trasparente, a partire dal nome.
Federalismo e democrazia sono infatti la scelta libera di un popolo che crede fermamente nel bene comune. Una scelta che va però rinnovata e riscoperta ogni giorno.
Ecco il perché di questa newsletter: crediamo che sia ancora possibile oggi fare un tipo di informazione completa e seria, capace di un giudizio su quanto accade intorno a noi senza cadere in faziosità o fake news. Lo faremo alla luce di alcuni grandi ideali, insieme a voi lettori.
Chi siamo
Direttore editoriale:
Claudio Mésoniat
"I Federalisti"
Maria Acqua Simi
Beniamino Sani
Collaboratori
Stefania Arfelli
Mauro Baranzini
Marco Bernasconi
Marco Luigi Bassani
Dario Bianchi
Corrado Bianchi Porro
Michele Fazioli
Luca Fiore
Giacomo Firpo
Massimiliano Herber
Martino Laffranchini
Francesca Monti
Lorenzo Ornaghi
Pietro Ortelli
Marta Ottaviani
Emanuele Sacchi
Francesca Savoldelli
Amata Schira
Francesco Semprini
Inizia la prova gratuita
Condividi questo articolo